Tag: Futuro

La robotica domestica che verrà

Amazon ha recentemente presentato il suo nuovo robottino domestico, si chiama Astro e costa circa 1000 dollari. Va in giro per la casa osservando quello che accade, reagisce ai comandi vocali ed esegue piccoli compiti, soprattutto di osservazione e controllo, ma può anche trasportare piccoli oggetti fino ad un massimo di due chili.

Che impatti avrà questo sulla robotica domestica del futuro?

Continua su La Repubblica …

Il social network del futuro

In una recente intervista su The Verge, Mark Zuckerberg ha provato a descrivere la sua visione per il futuro di Facebook e per fare questo ha preso in prestito il concetto di “metaverso”.

Il “metaverso”, termine coniato dall’autore di fantascienza Neal Stephenson, nella visione di Zuckerberg è un’estensione della realtà ottenuta tramite l’applicazione di tecnologie come la realtà virtuale e la realtà aumentata, in cui le persone vivono esperienze più o meno immersive all’interno di mondi virtuali, incontrano altre persone e accedono a nuovi contenuti e servizi.

Per Facebook si tratta di …

Continua su Agendadigitale.eu …

Criptovalute, libertà e democrazia

Le criptovalute vengono solitamente criticate per alcuni loro aspetti controversi: per il fatto che sono scambiate con enormi fluttuazioni rispetto alle valute tradizionali, e questo le rende un ottimo strumento nelle mani degli speculatori, per il fatto che spesso consumano tantissima energia e perché vengono abitualmente associate a scambi anonimi di denaro, il che le rende una buona opzione per alcune tipologie di criminalità, soprattutto quella di tipo informatico.

Continua su La Stampa …

La necessità di equilibrio nel riconoscimento facciale

Nel mondo in cui viviamo siamo circondati da sensori in grado di rilevare i nostri movimenti, la nostra posizione geografica, alcuni nostri parametri vitali e da queste informazioni ricavare dati relativi ai nostri comportamenti, alla nostra propensione all’acquisto di certi prodotti, al nostro stato di salute. 

In alcuni casi siamo noi stessi a volere che questi dati vengano rilevati, perché, per esempio, ci serve conoscere la nostra posizione geografica per farla usare a qualche app sul nostro smartphone, oppure ci è utile che un dispositivo indossabile tenga sotto controllo il nostro battito cardiaco durante una sessione di allenamento. 

Continua su La Repubblica …

Ho scritto a Jack Dorsey

A Luglio dello scorso anno ho scritto a Jack Dorsey, cofondatore e CEO di Twitter, per inviargli qualche consiglio non richiesto su come, a mio avviso, Twitter si sarebbe potuto evolvere verso un modello di piattaforma più rispettoso degli utenti, con un numero di account fake molto più basso e con un nuovo flusso di ricavi da utilizzare un po’ per far contenti gli azionisti e un po’ per mettere a disposizione degli utenti qualche funzionalità innovativa.

Continua su La Stampa …