Tag: Privacy

Coronavirus, 10 motivi per cui è giusto farci controllare dallo smartphone

Partiamo da un presupposto ideologico: sono dell’idea che se il dato può salvare delle vite, allora debba essere sempre (rispettosamente e responsabilmente) usato.

C’è chi dice “la privacy può essere messa da parte per esigenze di emergenza sanitaria” oppure chi dice “la privacy è inviolabile, quindi un certo numero di morti in più è tollerabile”.

Io sono dell’idea che, per salvare vite umane, il dato debba essere sempre usato rispettosamente e responsabilmente, quindi se è necessario le norme devono essere aggiornate, seppur nel rispetto dei principi che impediscono nel tempo l’eventuale perdita di diritti e che mettono al centro le esigenze di tutela della riservatezza del cittadino.

Detto questo, vediamo di declinare per punti un possibile approccio sistemico per affrontare il problema.

Continua su Economy Up …

Di chi sono i dati che potrebbero aiutarci contro il Coronavirus?

Sono ore concitate in tutto il mondo, con migliaia di persone impegnate nel tentativo di contenere la diffusione del Covid-19, meglio conosciuto come Coronavirus, mentre diversi team distribuiti in varie zone del mondo si stanno occupando di individuare un vaccino o una cura farmacologica che possa limitarne i danni.

Le procedure per il contenimento della diffusione sono per lo più basate sul tentativo di individuare i soggetti contagiati e sul tentare di ricostruire insieme a loro quello che hanno fatto nei giorni precedenti, chi hanno incontrato e che luoghi hanno frequentato, questo con l’obiettivo di provare ad individuare le altre persone che, essendo state in contatto con i soggetti contagiati, potrebbero a loro volta essere state contagiate e quindi avere bisogno di assistenza medica, ma anche perché queste ultime potrebbero essere a loro volta soggetti in grado di contagiare altre persone in una sorta di reazione a catena che, se non interrotta nelle sue fasi iniziali, potrebbe diventare incontenibile.

Continua su Industria Italiana …

Gestione dati personali durante le emergenze: perché servono nuove norme.

Tutte le informazioni prodotte dai nostri dispositivi smart – dal cellulare all’orologio in grado di rilevare i nostri parametri vitali – esaminate da algoritmi tradizionali (senza neanche scomodare l’intelligenza artificiale) potrebbero fornire un grande aiuto alle capacità di affrontare un’emergenza sanitaria su scala nazionale. Purtroppo, però, nonostante siano prodotte da noi, non sono nelle disponibilità degli enti che potrebbero usarle come strumento utile a salvare le nostre vite.

Il tema è quanto mai attuale in queste ore febbrili, in cui in tutto il mondo migliaia di persone sono impegnate nel tentativo di contenere la diffusione coronavirus, e diversi team distribuiti in varie zone del mondo si stanno occupando di individuare un vaccino o una cura farmacologica che possa limitarne i danni.

Continua su Agenda Digitale …

Di anonimato in rete, libertà e diritti

Ha fatto molto discutere, nella giornata di ieri, il contenuto di alcuni tweet di Luigi Marattin, Deputato del gruppo parlamentare Italia Viva.

Tutto è nato da un tweet in cui Marattin dichiara di essere “al lavoro per una legge che obblighi chiunque apra un profilo social a farlo con un valido documento d’identità. Poi prendi il nickname che vuoi (perché è giusto preservare quella scelta) ma il profilo lo apri solo così.”

Il tutto è poi culminato con una vera e propria petizione online sul sito di Italia Viva, nella quale si giustifica questa scelta con l’obiettivo di evitare il deterioramento della democrazia, deterioramento che sarebbe causato dalle distorsioni e manipolazioni delle informazioni che circolano sulla rete, le cosiddette fake news.

Continua su TechEconomy 2030 …